Category Archives: Diritto europeo

REVISIONE: il parere (non dovuto) del PM nella fase rescindente impone una piena dialettica processuale. Ancora una volta, una decisione ispirata dalla giurisprudenza di Strasburgo sull’art. 6 della Convenzione E.D.U..

Le Sezioni Unite del Supremo Collegio (sent. n. 15189/2012), uniformandosi ai principi contenuti  in diverse sentenze della Corte europea dei diritti umani,  hanno stabilito che, qualora, nella fase rescindente del giudizio di revisione introdotto dall'imputato, venga acquisito agli atti il parere del procuratore generale (non previsto dal c.p.p.), il giudice adito debba porre l'istante nelle condizioni di prender conoscenza del documento. In caso contrario, gli sarà inibito l'uso, nella motivazione della propria decisione, degli argomenti contenuti nel parere del p.g.. La sanzione prevista, in caso di violazione del suddetto principio, sarà la nullità...
continua a leggere Comments are closed

…VERSO UN PROCESSO DI SECONDO GRADO PIU’ EQUO (ART. 6 C.E.D.U.)

I giudici di Strasburgo, con due recenti sentenze (Corte e.d.u., Sez. III, 5 marzo 2013, ric. n. 36605/04, Manolachi c. Romania e Corte e.d.u., Sez. III, 9 APRILE 2013, ric. n. 17520/04, Flueras c. Romania), hanno riconosciuto  il diritto dell'imputato, che sia stato assolto in primo grado sulla base di una testimonianza (fondamentale) ritenuta inattendibile, a una condanna basata sull' audizione diretta del teste (fondamentale), essendo insufficiente una rivalutazione meramente cartolare delle sue dichiarazioni . La sentenza di condanna che, in violazione del suddetto diritto, dovesse ribaltare il giudizio assolutorio espresso dal giudice di prime cure,...
continua a leggere Comments are closed

Fecondazione eterologa: la Corte di Giustizia riconosce l’incoerenza del diritto italiano

CONVENZIONE EUROPEA PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELL'UOMO E DELLE LIBERTÀ FONDAMENTALI
Art. 8: Diritto al rispetto della vita privata e familiare
1. Ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare, del proprio domicilio e della propria corrispondenza. 2. Non può esservi ingerenza di una autorità pubblica nell’esercizio di tale diritto a meno che tale ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria alla sicurezza nazionale, alla pubblica sicurezza, al benessere economico del paese, alla difesa dell’ordine e alla...
continua a leggere Comments are closed